6 incontri (18 ore | 350.00 Euro)

Primo incontro (3h)

Fotocamere a corpi mobili: il banco ottico e la folding
Parti costitutive del banco ottico (lezione effettuata con fotocamera Fatif DS2 4”x5”)
La folding: il grande formato portatile (lezione effettuata con fotocamera Shen Hao 4”x5”)
Fotocamere ULF
Principi di funzionamento e comparazione dei due sistemi
I “movimenti” delle macchine a corpi mobili ed il loro effetto sull’immagine
La regola di Scheimpflug
Prove pratiche di inquadratura, messa a fuoco, movimenti ed esposizione
Tiraggio e calo della luce: come correggere l’esposizione
Il controllo della p.d.c.
Gli obiettivi per il grande formato
Il cerchio di copertura dell’obiettivo
Soffietti per fotocamere di grande formato: tipologie ed impiego
Formati sfruttabili con fotocamere di grande formato
Macchine di grande formato a piani fissi per impieghi specifici
Chassis e dorsi per rulli 120: caricamento e scaricamento del materiale sensibile
 
Il grande formato in camera oscura – introduzione
La tank per pellicole piane (vari modelli)
Caricamento del materiale sensibile nella tank di sviluppo ad inversione
Le fasi dello sviluppo (introduzione descrittiva propedeutica alla sessione pratica)
Asciugatura ed archiviazione delle pellicole piane
 
 
Secondo incontro (3h)
 
La procedura completa: dalla composizione allo scatto (formato 4”x5”)
Durante la sessione pratica, i partecipanti caricheranno negli appositi chassis le pellicole piane bianco e nero e si eserciteranno a fotografare piccoli oggetti e semplici composizioni al fine di comprendere, attraverso l’esperienza diretta, l’importanza ed i vantaggi offerti dalle fotocamere di grande formato a corpi mobili.
 
 
Terzo incontro (3h)
 
Sessione di sviluppo e stampa delle pellicole piane 4”x 5” prodotte
Durante la sessione pratica i partecipanti avranno modo di caricare nella tank il materiale sensibile da loro esposto, per poi svilupparlo e stamparlo sotto la guida del docente.
Prima della stampa finale, verranno prodotti i provini a contatto degli scatti eseguiti, al fine di individuare eventuali difetti del negativo e comprendere come intervenire nella fase successiva.
 
 
Quarto incontro (3h)
 
Pellicole piane pancromatiche di formato superiore (8”x10” / 11”x14”)
Perché e in quali casi utilizzare pellicole piane di formato superiore
Formati disponibili in commercio e case produttrici
Lunghezze focali, copertura ed estensione del soffietto nelle fotocamere ULF
Lo sviluppo in bacinella (introduzione descrittiva al procedimento)
 
Introduzione all’utilizzo delle pellicole piane ortocromatiche di grande formato
Emulsioni ortocromatiche: principali caratteristiche tecniche
Vantaggi e “svantaggi” offerti dalle pellicole ortocromatiche
Pellicole piane ortocromatiche da ripresa e da riproduzione
Il trattamento di sviluppo dei materiali sensibili ortocromatici
 
Introduzione all’utilizzo delle pellicole di carta
La carta da stampa come negativo
Vantaggi e “svantaggi” offerti dalle pellicole di carta
Filtri per la regolazione del contrasto in fase di ripresa
Sensibilità del materiale ed esposizione
Fotografia con luce artificiale: luce lampo e luce continua
Il trattamento di sviluppo dei negativi di carta: sviluppi carta e sviluppi film
 
 
Quinto incontro (3h)
 
La procedura completa: dalla composizione allo scatto (formato 8”x 10”)
Durante la sessione pratica i partecipanti saranno introdotti all’utilizzo di fotocamere di formato superiore (8”x 10”), cimentandosi nella fotografia di semplici still life.
Nell’ambito della lezione, saranno impiegate pellicole pancromatiche ed ortocromatiche; gli iscritti saranno inoltre introdotti all’utilizzo dei negativi di carta.
 
 
Sesto incontro (3h)
Sessione di sviluppo e stampa delle pellicole piane 8”x 10” prodotte
Durante la sessione pratica i partecipanti avranno modo di sviluppare il materiale sensibile, da loro esposto, sotto la guida del docente.
Successivamente, si cimenteranno nella stampa a contatto dei negativi prodotti, mediante l’utilizzo di carte a gradazione fissa e di carte MG.